Speciale donna: la naturopatia per sostenere l’organismo femminile

La donna come Dea in Terra

 

La donna è da sempre associata a Venere, archetipo che esprime la capacità femminile di accogliere, ricevere, ascoltare e contenere. Curioso il fatto che il metallo che per analogia si accosta a questa dea, il Rame, costituisce il materiale con cui vengono prodotti molti recipienti che si usano in cucina: come un grande calderone di rame, l’Utero femminile raccoglie e ospita…
Questa predisposizione naturale ad un’apertura e ad una sensibilità che accolgono, attualmente rappresenta però un punto di vulnerabilità, perché noi donne viviamo ormai in una condizione di stress e sovraccarico costanti.

Donne più forti… ma vulnerabili!

Ecco allora che ci facciamo carico delle scadenze lavorative, degli impegni familiari e delle esigenze di compagni e figli. Questi fattori impongono ritmi completamente diversi da quelli caratterizzanti la fisiologia femminile, che nella sua ciclicità è così profondamente connessa a quella di fenomeni naturali come i cicli lunari e le maree. Qualcosa si inceppa, nella meravigliosa rete di informazioni nervose, endocrine e immunitarie che attraversa il nostro organismo: il ciclo mestruale ritarda o inizia in anticipo, magari diventiamo più vulnerabili a cistiti o candida, l’umore varia dalla malinconia all’irritabilità. Shatavari Tavolette Fitomedical
La Natura ci offre un rimedio tutto femminile: si tratta di Shatavari, che in sanscrito significa “colei che possiede cento mariti” e che la tradizione ayurvedica considerava tonico e ringiovanente degli organi riproduttivi soprattutto femminili. La moderna ricerca scientifica ha confermato che Shatavari svolge un’azione di riequilibrio nervoso ed endocrino. È consigliata a donne di tutte le età per correggere irregolarità mestruali, i dolori e i disturbi della sindrome premestruale e i sintomi legati alla menopausa. Ha inoltre interessanti azioni secondarie di regolazione immunitaria e di protezione nervosa.

Alleanze strategiche per aiutare l’organismo femminile

Questa pianta si utilizza associata in genere al gemmoderivato di Lampone, che sostiene il riequilibrio della sfera ormonale.
tintura madre di Agnocasto,Quando invece i cicli si fanno più abbondante e ravvicinati, si può trovare sostegno nella tintura madre di Agnocasto, che ristabilisce i giusti rapporti tra gli ormoni, migliorando sintomi come la ritenzione idrica o l’acne e modulando gli sbalzi d’umore e le tendenze depressive della fase premestruale.

Vi ricordo che queste sono indicazioni generali e non hanno natura prescrittiva.
A presto.  


Emanuela Carlessi
"Sul sentiero della Natura"
 

Emanuela Carlessi, NaturopataSono Emanuela e ho iniziato il mio percorso da naturopata perché credo fermamente che ciò di cui abbiamo bisogno per stare bene e ritrovare il nostro equilibrio si possa trovare in noi stessi e in ciò che la Natura ci offre. Le piante, i fiori, i minerali, il cibo, l'acqua, la terra e l'aria: tutto ciò che ci circonda entra in risonanza con la nostra vis medicatrix naturae, la nostra naturale forza di guarigione e ci aiuta a ritrovare il benessere e la serenità.

 

I consigli dietetici forniti e le informazioni contenute in questo articolo sono puramente indicativi e non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.